Percorso: STORIA
Italiano
mercoledì, 24.04.2019

I veterani come anello di congiunzione: 1987-2007

Veterani biancorossi al Torneo 1990

Squadre al Torneo 1991

I Veterani a Barcellona nel 1991

Decimo Becacci, anima e organizzatore del movimento dei Veterani

Manifesto del Torneo Lorenzoni del 2002

Squadra al Trofeo Evricup

La scintilla si è riaccesa! qui siamo in Via Mercurio nel 2007 e sotto in Via Manetti nel 2008. Ci sono proprio tutti i "Ragazzi di Via Manetti", Campioni del Mondo, Nazionali e ragazzi che non sono mai arrivati neanche alla prima squadra...tutti insieme ancora come trenta anni prima...

Dopo queste partitelle nate per divertirsi, rinascerà l'ASD CP Grosseto 1951

Indice 

Nella stagione 1988/89 fu disputato un ultimo campionato di serie B con allenatore Giuseppe La Spina e tutti i vecchi ragazzi del Circolo Pattinatori Grosseto: i fratelli Scarpelli, Filippo La Spina, Ricci, Iacoboni e tanti altri... Campionato che fu portato onorevolmente a termine ma alla fine del quale il vecchio Circolo Pattinatori dovette alzare definitivamente bandiera bianca. La Societa' e la squadra si sfaldarono e i nostri atleti migliori cominciarono a emigrare verso lidi piu' sicuri e piu' remunerativi. Alcuni di loro trovarono posto nelle Societa' hockeystiche della Provincia, prime fra tutte Castiglione della Pescaia e Follonica, alcuni abbandonarono definitivamente la stecca e attaccarono i pattini  al classico chiodo ed altri dettero vita alla formazione dei Veterani che ancora oggi partecipa a competizioni a livello Europeo.

Negli anni in cui la Società è stata di fatto inattiva e non veniva disputato alcun campionato, la scintilla del “sacro fuoco” per il nostro meraviglioso sport non si è  mai spenta del tutto.
I “ragazzi” del periodo d'oro del Circolo Pattinatori Grosseto, i ragazzi di via Manetti sono diventati uomini, hanno studiato, si sono affermati nella vita lavorativa, hanno messo su famiglia ma non volendo rinunciare al gioco, che per tanti anni li ha uniti, hanno continuato, quasi in segreto, a coltivare la loro passione.   
 E, a un certo punto, quasi per un tacito accordo, unendo le forze con i “superstiti” di Castiglione della Pescaia e di Follonica, hanno dato vita ad una squadra di Veterani, hanno iniziato  ad allenarsi e a giocare presso l'impianto di Casa Mora a Castiglione della Pescaia.
Anima e instancabile organizzatore del movimento dei Veterani, che hanno quasi sempre operato con il nome di “Castiglione della Pescaia”, è da sempre Decimo Becacci che ha un passato di dirgente dell'Hockey Club Castiglione, ed è grande appassionato.
Nella primavera del 1987, alcuni ex- giocatori del C.P.Grosseto, del Castiglione della Pescaia e della Polisportiva Follonica, ebbero l'idea  di riprendere in mano il bastone e risalire sui pattini per giocare ad hockey, sport dal quale  si erano allontanati, più per necessità che per scelta.

Cominciarono a trovarsi a Casa Mora, a Castiglione della Pescaia, il venerdì sera dopo il lavoro, per disputare una partitella e dopo andare a mangiare una pizza, fra questi:

Roberto Citerni
Bruno Bigazzi
Alberto Colombini
Angelo Giomi
Marco Lenzi
Pietro Muzzi
Sandro Lorenzoni
Pierini Mauro
Rosi Roberto
Seggiani
Ganozzi Attilio
Paradisi Aldo
Valdrighi


A questo primo gruppo si aggiunsero ben presto altri ex giocatori di Grosseto:


Bonucci Pierluigi
Parisotto Bruno
Scarpelli Andrea
Miserocchi Andrea
Fantozzi Giancarlo
Fommei Roberto
Mangiavacchi Fabio
Arreti Alessandro

e di Follonica:
Azzi e Gaeta.


Così negli anni in cui per difficoltà logistiche,  che si erano rivelate  insuperabili, stava a poco a poco spengendosi il vecchio e glorioso C.P. Grosseto, iniziava un nuovo ciclo. Furono allestite quattro squadre locali di Veterani che dettero vita al “1° Trofeo Lorenzoni”.
Il torneo fu concepito in memoria di un dirigente dell'Hockey Club Castiglione della Pescaia e fu disputato in due serate sulla pista del palazzetto di Casa Mora. Decimo Becacci fu l'organizzatore del torneo e il reclutatore dei giocatori.
Al torneo parteciparono per il C.P Grosseto :


Emilio Artini
Giuseppe La Spina
Filippo La Spina
Alfredo Iacoboni
Enzo Scarpelli
Claudio Varricchio
Stefano Ginanneschi


Poco importa ricordare il nome proprio delle quattro squadre e i risultati: questa  fu un'  occasione per ritrovarsi e  per offrire un contributo all' "Associazione per la Lotta ai Tumori”. L' ingresso era libero ma le offerte fecero sì che l'evento si ripetesse per altri anni.
A partire dalla terza edizione ai Soci fondatori venne l'idea di trasformare il torneo da locale a internazionale.
Furono quindi contattate due Squadre straniere, il Real Club Tennis Barcino di Barcellona e il Club di Veterani di Amantadora, nella periferia di Lisbona.
Le due squadre furono invitate  a spese degli organizzatori,  con il tacito accordo di un invito successivo in terra straniera. Gli spagnoli aderirono subito e in autunno si svolse il primo torneo "Valsecchi" a Barcellona; i portoghesi...  furono portoghesi  di nome e di fatto e si fecero invitare due volte prima di contraccambiare l'invito.
Furono ancora i ragazzi del vecchio C.P. Grosseto, che portarono il torneo da quattro a sei Squadre, invitando una compagine di Andorra, oltre alle   altre  Squadre straniere.
Parallelamente, una volta ogni due anni, si disputava in Spagna il torneo a invito, organizzato dal Real Club Tennis Barcino, intitolato a un loro dirigente, "Valsecchi", per il quale il gruppo maremmano fece le condoglianze agli organizzatori, credendolo morto, mentre si trattava di una dedica anomala, a un uomo vivo e in salute.

Altri ex-giocatori si avvicinavano nel frattempo, agli “Amici dell'Hockey", come si era definito il gruppo:


Paghi,
Armeni,
Fagiolini,
Camisoli,
Saccocci,
Ricci,
Grotti,
Boschi,
Fraternale,
Salvadori,
Biancucci,
Bennati,
i fratelli Mariotti
, e altri.
Col tempo il torneo passò a 8 squadre, poi a 10, successivamente a 12 e, fatto più importante, nacque un circuito di Tornei Europei per Veterani a invito, denominato "EVRICUP", che prevede un torneo all' anno da disputarsi a rotazione nelle varie nazioni.
Ed è stato anche durante questi tornei che ai vecchi ragazzi di Via Manetti e ritornata prepotentemente la voglia di far rinascere il loro Circolo Pattinatori Grosseto.