Percorso: ARCHIVIO NEWS
Italiano
mercoledì, 15.07.2020
< Chiusa la campagna acquisti del Circolo Pattinatori Grosseto per l'A1
mercoledì, 27.05.2020 08:44 08:44 Età: 49 giorni
Categoria: Vita della società

Ale Saitta vice di Paghi in A1, Gucci rimane come collaboratore

Da sinistra Carlo Gucci e Alessandro Casaburi (foto Mimmo Casaburi)

Una volta completata la rosa che disputerà il prossimo campionato di serie A1, il Circolo Pattinatori Grosseto sta sistemando i quadri tecnici e dirigenziali. Mister Federico Paghi ha scelto come suo vice Alessandro Saitta e tra i collaboratori della società per la prossima stagione ci sarà anche Carlo Gucci. Saitta e Gucci, due tra i protagonisti del doppio salto dalla serie B alla serie A1, continueranno dunque a respirare l’aria della massima divisione a stretto contatto con i loro amici ed ex compagni di squadra, ma si sono messi a disposizione di mister Alessandro Brizzi per la squadra di serie B, nella quale potranno mettere al servizio dei più giovani tutta la loro esperienza.
Nella rosa della “Big Red Machine”, che dopo 42 anni risalire sul palcoscenico più importante, non ci saranno i viareggini Gionata Vecoli (capocannoniere in serie B con 52 reti) e  il capitano Andrea “Gassino” Gemignani, protagonisti assoluti nella cavalcata vincente del C.P. Grosseto. «A loro va il mio grande ringraziamento - dice il presidente Stefano Osti - siamo stati fortunati ad averli con noi nelle ultime due annate: la loro professionalità, passione e classe è stata fondamentale per il raggiungimento dei nostri obiettivi».
«A Gionata e Andrea - continua Osti - auguro le migliori fortune. Ci sono già diverse squadre della Versilia che li hanno cercati anche per la serie A2 e li seguiremo sempre con immenso piacere».
«La stagione 2019-2020 - sottolinea ancora il presidente del Circolo Pattinatori - è ormai in archivio. Mi corre dunque l’obbligo di ringraziare ancora una volta l’allenatore Massimo Mariotti, che ha permesso alla società di vivere momenti indimenticabili. Tutti noi gli auguriamo le migliori fortune con le squadre nazionali, ma anche di trovare un club adeguato alle sue enormi capacità».