Cp Hobbystore pronto per i primi impegni della stagione di serie A2

Il Circolo Pattinatori Hobbystore Grosseto sta intensificando la preparazione in vista dell’inizio della stagione di serie A2, che scatterà il prossimo 15 ottobre con la prima fase di Coppa Italia che vedrà i ragazzi allenati da Carlo Gucci impegnati contro Castiglione e Follonica. Il campionato scatterà invece il 7 gennaio 2023. La news di questi ultimi giorni è rappresentata dall’ingresso nel girone B della decima squadra, il Campolongo Salerno. I biancorossi si presentano al via con alcune novità nella rosa, a cominciare dai portieri Alessandro Del Viva (arrivato da Follonica) e Gabriele Spinetti (dal CGC Viareggio) e dai graditi ritorni di Alessandro Saitta, Andrea “Gassino” Gemignani e Matteo Battaglia, che hanno partecipato alla grande cavalcata dalla serie B alla serie A1.

«Mi aspetta una nuova avventura – sottolinea l’allenatore Carlo Gucci – una bella sfida. Sono tornato in un ambiente dove sono stato bene da giocatore e nel quale si lavora bene.  Avrò a disposizione un mix di giocatori esperti, che avranno il loro ruolo in questa squadra, e di atleti più giovani che cercheremo di responsabilizzare».

L’obiettivo minimo del Cp Hobbystore è conquistare la salvezza, per continuare a far crescere i più giovani in una categoria importante. «Non abbiamo paura della retrocessione – dice mister Carlo Gucci – dobbiamo lavorare per guardare più avanti di una semplice salvezza».

Nel roster della nuova formazione biancorossa c’è anche Carlo Gucci: «Se ci sarà bisogno darò una mano. Mi auguro però che la squadra sappia farsi valere anche senza di me».

La rosa del Cp Hobbystore Grosseto. Portieri: Tommaso Bruni (2003), Alessandro De Viva (2003), Gabriele Spinetti (1990). Esterni: Lorenzo Alfieri (2004), Matteo Battaglia (1998), Francesco Borracelli (1981), Marco Bianchi (1997), Riccardo Salvadori (1979), Michele Nerozzi (1982), Andrea Gemignani (1980), Carlo Gucci (1980), Alessandro Saitta (1983), Alessandro Bardini (2002), Tommaso Giusti (2007), Leonardo Ciupi (2004).