Il Carrefour Alice travolto nel derby di serie B a Castiglione. Decisive quattro reti in 1′

Blue Factor Castiglione-Carrefour Alice Grosseto 11-2

CASTIGLIONE: Grossi, Donnini; Santoni, Luca Mantovani, Onori, Del Viva, Cardi, Emanuele Perfetti, Matteo Mantovani, Guarguaglini. All. Enrico Mariotti.

CARREFOUR ALICE: Saletti; Filippeschi, Bruzzi, Lorenzo Perfetti, Giusti, Casini, Ciupi, Alfieri, Montomoli. All. Marco Ciupi.

ARBITRO: Daniele Moretti.

RETI: nel p.t. 3’11 Guarguaglini, 23’11 Santoni, 23’43 Guargualini; nel s.t. 4’13 Alfieri, 7’12 Onori, 10’01 E. Perfetti, 10’14 Guarguaglini, 10’35 Onori, 10’ 58 Guarguaglini, 13’01 E. Perfetti, 13’30 Onori, 23’14 Ciupi, 24’30 L. Mantovani.

ESPULSIONI TEMPORANEE: Santoni, Filippeschi, Bruzzi. 

Il Carrefour Alice Grosseto è uscito con una pesante sconfitta per 11-2 dal derby di serie B con la Blue Factor Castiglione. I ragazzi guidati per l’occasione da Marco Ciupi sono stati puniti oltremodo in un incontro che è stato per lunghi tratti in equilibrio. Il quintetto castiglionese, allenato da Enrico Mariotti, è passato in vantaggio al 4’ con Guarguaglini, è riuscito ad andare al riposo sul 3-0, dopo aver realizzato due reti al 24’ nel giro di trenta secondi.  Nella ripresa Lorenzo Alfieri ha riaperto la partita al 5’, ma Onori ha riportato il Castiglione a tre reti di vantaggio all’ottavo.Il match ha definitivamente preso la strada di Castiglione della Pescaia al 11’: la Blue Factor ha messo a segno quattro reti nel giro di 57 secondi. Un black out che il Carrefour Alice ha pagato a caro prezzo, trovandosi dal 4-1 all’8-1. Per i biancocelesti è diventato tutto facile e solo sul 10-1 è arrivata la seconda rete di biancorossi, firmata da Leonardo Ciupi. A trenta secondi dalla fine, però, l’ex Luca Mantovani ha portato a 11 le marcature. In classifica il Grosseto dopo sette giornate rimane penultimo a 4 punti, seguito dal Forte dei Marmi a 1.

L’Hobbystore cede i tre punti al Roller Matera al termine di un match dalle mille emozioni

Hobbystore Grosseto-Roller Matera 5-9

HOBBYSTORE GROSSETO: Bruni, Del Viva; Saitta, Salvadori, Borracelli, Gucci, Nerozzi, Battaglia, Bianchi. All. Fabio Bellan.

DECOM MATERA: El Haouzi, Lanza; Spurio, Piozzini, Rondinone, Lapolla, Giovanni Antezza, Bigatti, Ferrara, Gadaleta. All. Valerio Antezza.

ARBITRO: Mario Trevisani di Viareggio.

RETI: nel p.t. 2’40 Gadaleta, 16’52 Saitta, 19’19 Piozzini, 23’11 Battaglia, 23’39 Piozzini, 24’53 Piozzini; nel s.t. 1’05 Salvadori, 6’16 Saitta (rig.), 7’09 Nerozzi, 13’23 Piozzini, 15’25 Gadaleta, 24’18 Piozzini, 24’39 Antezza, 25’ Antezza.

NOTE: espulso definitivamente il coach Antezza al 25’ s.t.; espulsione temporanea (2’) Battaglia.

L’Hobbystore Circolo Pattinatori viene risucchiato nelle sabbie mobili della zona retrocessione dopo un’incredibile sconfitta casalinga contro il Decom Roller Matera (9-5) e la contemporanea vittoria del Follonica a Salerno. I ragazzi di Carlo Gucci e Fabio Bellan si ritrovano sul fondo della classifica a causa di una battuta d’arresto per certi versi incredibile. L’Hobbystore, dopo essersi ritrovati sotto nel punteggio al 3’, hanno recuperato per due volte con i centri di Saitta e Battaglia, prima di una doppietta di Piozzini (che ha chiuso con un bottino di cinque reti) che ha fissato il finale di primo tempo sul 4-2 per gli ospiti. Il Circolo Pattinatori non s’è perso d’animo e ha addirittura ribaltato la situazione, portandosi sul 5-4 dopo sette minuti della ripresa, grazie ad un recupero davvero spettacolare, maturato con  le reti di Salvadori, Saitta e Nerozzi.

Tra il 14’ e il 16 il Roller Matera è riuscito a firmare il controsorpasso e nell’ultimo minuto è riuscito a prendere il largo. Per cercare di recuperare la rete di svantaggio, il coach Gucci ha tolto il portiere e ha schierato cinque giocatori di movimento. Sono stati bravi Piozzini e Antezza ad approfittarne e segnare per tre volte a porta sguarnita.

Un ko che lascia tanto amaro in bocca a Salvadori e compagni che hanno provato con tutte le loro forze a centrare un successo che avrebbe fatto fare un bel salto in classifica e che invece li riporta in fondo.

«Un peccato aver perso – mastica amaro il portiere Tommaso Bruni al termine della gara – era fondamentale vincere contro una diretta concorrente per la salvezza. Dobbiamo andare avanti, avere più testa per le prossime partite. Eravamo stati bravi a ribaltare, ma non siamo stati in grado di gestire la partita in generale.   Il dover vincere a tutti i costi può dare una maggior adrenalina, ma può essere anche limitante».